DiaSorin termina la seduta in rialzo nonostante le incertezze mostrate nel durante. La società è stata penalizzata dall'ok della FDA americana all'utilizzo e quini alla distribuzione immediata del vaccino Pfizer-BioNTech. DiaSorin si muove in controtendenza rispetto alle notizie positive sui vaccini in quanto è attiva nella produzione di test molecolari (i tamponi) per rilevare la positività al virus. Settimana scorsa Kepler Cheuvreux aveva comunque alzato la raccomandazione su Diasorin a "buy" da "hold" e il prezzo obiettivo da 192 a 194 euro. Secondo gli esperti: "Diasorin è stato un vincitore della pandemia da Covid-19 e ci aspettiamo un impatto positivo sui ricavi maggiore nel 2021", inoltre "vediamo Diasorin uscire dal 2021 in una posizione più forte di quella alla fine del 2019" grazie alle acquisizioni che dovrebbero " compensare un calo dei ricavi nel 2022". Il titolo è sceso lunedì fino a 168 euro dopo aver terminato settimana scorsa a 170,50 ma è poi rimbalzato fino in area 171,40 flettendo infine in area 170,70 dove ha terminato la giornata. A 167 euro circa transita la linea che unisce i minimi del 10 e del 24 novembre: la tenuta di quel supporto potrebbe favorire la realizzazione di un rimbalzo esteso, con target sulla parallela di quella stessa trend line tracciata dal picco del 12 novembre, passante a 183,65 circa. Al superamento anche di questa resistenza il ritorno in area 200 euro diverrebbe probabile. La violazione di 167 sarebbe invece preoccupante: il canale assumerebbe i tratti di un "flag", figura di continuazione del trend ribassista iniziato con il picco del 9 novembre a 207,60, un trend che rischierebbe di riprendere diretto verso i 140 euro.

(AM - www.ftaonline.com)