Doppio test dei record per il Bund Future. Nella seduta di venerdì il derivato tedesco è tornato a mettere sotto pressione il record toccato il 7 giugno a 171,80 punti. La vicinanza al lato superiore del canale che contiene le oscillazioni dai minimi dello scorso ottobre, riferimento a 172,50, e la condizione di ipercomprato presente sugli oscillatori più comuni potrebbero favorire l'avvio di una correzione che, sotto 170,70, permetterebbe al derivato di prendere una boccata d'ossigeno, dopo la prolungata corsa. Ad avvalorare questa ipotesi la formazione nelle ultime sedute di un potenziale doppio massimo proprio in area 171,80. La figura verrebbe completata nel caso di discese sotto 170,98 punti, anticipando il ritorno in prima battuta a quota 170 e successivamente in area 169, base del citato canale coincidente con la media mobile a 50 periodi. Sotto questo riferimento verrebbe indebolita la tendenza fortemente rialzista degli ultimi mesi, preludendo a cali verso area 167.

(CC - www.ftaonline.com)