Enel S.p.A. ("Enel"), attraverso la sua controllata per le rinnovabili Enel Green Power North America Inc. ("EGPNA"), ha perfezionato l'acquisizione del 100% di sette impianti operativi nel settore delle rinnovabili per un totale di 650 MW da Enel Green Power North America Renewable Energy Partners, LLC ("EGPNA REP"), una joint venture controllata al 50% da EGPNA e per il restante 50% da GE Capital's Energy Financial Services, il ramo di General Electric per gli investimenti nel settore energetico. Il corrispettivo totale pagato per l'operazione è pari a circa 256 milioni di dollari USA, a fronte di un enterprise value di circa 900 milioni di dollari USA. Gli impianti oggetto dell'operazione, tutti gestiti da EGPNA, sono:
- Cove Fort, impianto geotermico da 25 MW nello Utah;
- Salt Wells, impianto geotermico da 13,4 MW in Nevada;
- Stillwater, impianto geotermico-solare da 59,5 MW in Nevada;
- Cimarron Bend, parco eolico da 400 MW, in Kansas;
- Lindahl, parco eolico da 150 MW in Nord Dakota;
- Sheldon Springs, impianto solare fotovoltaico da 2,4 MW nel Vermont.
In linea con il Piano Strategico di Gruppo 2019-2021, questa operazione mira ad accrescere la capacità consolidata di Enel in un mercato chiave come gli Stati Uniti, ricavando più valore dalla proprietà del 100% degli impianti che utilizzano tecnologie strategiche nel settore delle rinnovabili. Con questa operazione, la capacità della joint venture si attesta a circa 1,1 GW di impianti idroelettrici ed eolici, che continueranno ad essere gestiti da EGPNA.

(RV - www.ftaonline.com)