In linea con quanto accaduto per gli altri protagonisti del settore utility, anche per Enel la seduta odierna si è conclusa in calo, con un movimento in controtendenza rispetto al Ftse Mib.

Il titolo, dopo aver guadagnato quasi l'1% ieri, ha ceduto lo 0,48% oggi, fermandosi a 6,805 euro, con circa 25 milioni di azioni scambiate, contro la media mensile pari a 27,5 milioni di pezzi.

Enel oggi è finito sotto la lente di Banca Akros, all'indomani della notizia da cui si è appreso che il gruppo, attraverso la controllata greca per le rinnovabili, Enel Green Power Hellas, ha connesso alla rete il nuovo impianto
eolico Kafireas.

Si tratta del più grande impianto del suo genere nel Paese ellenico, grazie a una capacità totale di oltre 154 MW.
Gli analisti di Banca Akros fanno sapere che le loro stime su Enel non cambiano visto che il progetto è già incluso nel loro modello.

Gli esperti però accolgono con favore la nuova capacità rinnovabili e la visibilità a lungo termine fornita dagli accordi power purchase agreement.

Conferma la view positiva su Enel che per Banca Akros è da accumulare in portafoglio con un prezzo obiettivo a 7,2 euro.