La seduta odierna prosegue in rialzo anche per Enel che, dopo aver ceduto circa un punto percentuale ieri, recupera terreno oggi, muovendosi quasi in linea con l'indice Ftse Mib.

Enel recupera dopo il calo di ieri

Il titolo negli ultimi minuti si presenta a 7,606 euro, con un vantaggio dello 0,6% e oltre 3,3 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 22 milioni di pezzi.

Enel: rumor su offerta Macquarie per Open Fiber

Enel oggi finisce sotto i riflettori sulla scia di alcune indiscrezioni di stampa, riportate in particolare da Il Messaggero.
Secondo il quotidiano oggi Macquarie delibererà l’offerta vincolante per Open Fiber, valutandola 8 miliardi di euro come enterprise value, circa 6 miliardi di euro di equity, da presentare al board di ENEL del 17 settembre.

Enel: per Equita offerta è molto attraente

Equita SIM fa notare che l’offerta è superiore ai valori circolati in precedenza, pari a 7-7,7 miliardi di euro, e secondo gli analisti è molto attraente per ENEL.

La SIM milanese ricorda che Cassa Depositi e Prestiti e Telecom Italia hanno stabilito nella lettera di intenti di procedere a valutazioni omogenee per gli asset.

Di conseguenza lo stesso approccio valutativo dovrebbe essere poi applicato a FiberCop e alla parte di rete primaria che Telecom Italia contribuirà in FiberCop.

Equita resta bullish su Enel e Telecom Italia

Questo aspetto secondo gli analisti dovrebbe consentire di ridurre i rischi di stallo legato alle valutazioni.

In attesa di novità non cambia la strategia di Equita SIM che conferma la raccomandazione "buy" per Enel, con un prezzo obiettivo a 8,5 euro.
Lo stesso rating viene reiterato per Telecom Italia con un target price a 0,47 euro.