Eur/Usd rientra nel range dell'ultimo trimestre, grazie a un indebolimento del Dollaro. Il mutato atteggiamento della Fed nei confronti della politica monetaria e del bilancio federale ha infatti destabilizzato l'equilibrio del biglietto verde. Graficamente, la tenuta dei supporti a 1,126 dei minimi di fine novembre ha determinanto il rimbalzo visto la scorsa ottava fino a quota 1,1350 circa, sulla mediana del canale ribassista disegnato dai massimi del 10 gennaio. Solo il superamento di questo primo ostacolo riuscirebbe a spingere le quotazioni sul lato superiore del canale, a 1,1450, ed eventualmente fino ai top di gennaio a 1,1483. Se al contrario area 1,1350 dovesse respingere nuovamente l'attacco dei compratori si profilerebbe uno scenario negativo per l'Euro, che rischierebbe di capitolare anche sotto i minimi di novembre a 1,1213 in direzione di area 1,11 e di 1,1020.

(CC - www.ftaonline.com)