Eurotech (+2,45%) ha dimezzato il progresso realizzato da marzo insinuando il rischio di una rivisitazione di tali minimi a 4,08 circa. Indicazioni in questo senso giungerebbero sotto 5,05 euro. Una stabilizzazione al di sopra dei 6 euro potrebbe invece favorire un allungo verso quota 6,90/7, trend line che sende dai top dello scorso autunno.

(CC - www.ftaonline.com)