Falck Renewables S.p.A., tramite la sua controllata Falck Energies Renouvelables SAS, ha sottoscritto un accordo preliminare con Glennmont Clean Energy Coöperatief U.A., per l'acquisizione del 100% delle società titolari di un portafoglio di 5 parchi eolici in esercizio in Francia. Il portafoglio comprende 25 turbine per una capacità di rete complessiva di 56* MW e una produzione totale di 117 GWh. L'accordo consentirà a Falck Renewables di rafforzare la propria presenza in Francia, favorendo sinergie con gli altri impianti del Gruppo e creando una massa critica di parchi eolici nel paese. Il closing dell'acquisizione è soggetto a condizioni sospensive e dovrebbe essere perfezionato entro tre mesi dalla sottoscrizione dell'accordo preliminare. Il prezzo previsto per l'acquisizione dei progetti, entrati in esercizio tra il 2006 e il 2013, è di circa 37 milioni di euro, finanziati interamente con risorse finanziarie proprie. L'accordo prevede il subentro dell'acquirente alla data del closing nei contratti di finanziamento con le banche. Gli impianti beneficiano dello stabile e consolidato meccanismo francese di incentivi alle rinnovabili, che consiste in una Feed-in Tariff media di 90 euro/MWh per un periodo residuo medio di incentivazione di circa 6 anni e mezzo. L'EBITDA annuo atteso per il 2018 è di circa 6,6 milioni di euro. "Questa acquisizione garantisce la necessaria solidità alla nostra presenza in Francia, uno dei mercati più attrattivi tra quelli in cui operiamo" - ha dichiarato Toni Volpe, CEO di Falck Renewables. "Raggiungeremo quasi 100 MW di capacità installata in Francia, con un portafoglio di impianti e turbine su cui potremo capitalizzare ulteriormente in termini di ottimizzazione industriale e di estrazione di valore a lungo termine". Peter Dickson, socio fondatore di Glennmont Partners, investment manager di Glennmont Clean Energy Coöperatief U.A., ha dichiarato: "Siamo molto soddisfatti di questo accordo e dell'attrattività che i nostri asset francesi offrono a chi vuole investire in impianti efficienti, ad alto rendimento e privi di rischi finanziari. Negli ultimi 10 anni, Glennmont ha attivamente lavorato alla costituzione di un ampio portafoglio di progetti rinnovabili diversificati e altrettanto farà nel 2019, in Francia come altrove".