Anche la seduta odierna è stata tutta in salita per Fca che, dopo aver interrotto una mini serie di tre sessioni negative, già ieri ha messo a segno un bel rally di quasi il 5%.

Fca estende il rally della vigilia e corre ancora

Gli acquisti hanno dominato la scena anche oggi, con il titolo che ha mostrato più forza relativa del Ftse Mib, fermandosi sui massimi intraday a 9,39 euro, con un rialzo del 3,93%.

Vivaci i volumi di scambio visto che a fine seduta sono transitate sul mercato quasi 15,8 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 11 milioni di pezzi.

Fca ha continuato a beneficiare del sentiment positivo alimentato dalla diffusione dei conti trimestrali avvenuta la scorsa settimana.

Fca: focus sulle immatricolazioni di luglio in Italia

A mantenere alta l'attenzone sul titolo sono state anche le indicazioni relative alle vendite di auto in Italia, dove a luglio si è avuta una flessione dell'11,01%.

Il gruppo del Lingotto ha visto le immatricolazioni calare dell'8,96%, sovraperformando leggermente il mercato.

Gli analisti di Equita SIM si aspettano un rimbalzo ad agosto, essendo il primo mese con gli incentivi alla rottamazione.

Articoli di stampa riferiscono che nel primo week-end utile ne sarebbero già stati utilizzati 12 milioni di euro.

Fca: rumor su rafforzamento dotazione incentivi alla rottamazione

Il Sole 24 Ore parla di negoziazioni in corso all’interno del Governo italiano per aumentare la dotazione degli incentivi alla rottamazione di 400-500 milioni di euro, di cui 50 milioni per veicoli commerciali.

Intanto in Francia a luglio le vendite di Fca hanno sottoperformato il mercato, non riuscendo a beneficiare degli incentivi statali più favorevoli per auto elettriche ed ibride di cui il gruppo è sprovvisto.

PSA ha sottoperformato calando del 6% a 68mila unità, con una contrazione delle immatricolazioni del 34% da inizio anno.