FCA inizia la settimana con un moderato calo. Secondo il Wall Street Journal Fiat Chrysler potrebbe riaprire il dossier Renault dopo l'intesa della casa francese con Nissan sulla governance di quest'ultima. Da evidenziare che tutto il comparto dell'auto europea segna forti ribassi in queste ore dopo il profit warning di Daimler. Daimler ipotizza ora un Ebit 2019 allineato a quello del 2018 (in precedenza era prevista una leggera crescita) e il Ros 2019 in un intervallo tra il -2% e il -4%. FCA arriva a toccare un minimo a 12,236 euro dopo aver terminato la seduta di venerdi' a 12,31 euro. A preoccupare non e' tanto l'entita' della flessione di lunedi' quanto il fatto che venerdi' 21 giugno i prezzi abbiano disegnato una candela "shooting star", dalle implicazioni negative, a contatto con la forte resistenza offerta a 12,45 euro circa dal 50% di ritracciamento del ribasso dal massimo di fine maggio. Senza il superamento netto, da confermare il chiusura di seduta, di area 12,45 il rimbalzo in atto dai minimi di inizio mese a 11,16 euro rischia di dimostrarsi un fenomeno temporaneo. La violazione di 12,22, base del gap rialzista del 20 giugno, sarebbe un primo indizio di debolezza per il titolo, discese sotto area 12 potrebbero poi anticipare movimenti verso 11,60, ultimo supporto prima del ritorno sui minimi di inizio mese. Il superamento deciso di 12,45 permetterebbe invece di pronosticare una estensione del rimbalzo almeno fino sulla trend line che unisce i massimi di ottobre 2018 e di febbraio 2019, passante a 13,30 euro circa (resistenza intermedia a 12,75 euro).

(AM - www.ftaonline.com)