A poco più di un'ora dall'apertura delle contrattazioni odierne, a Piazza Affari il Ftse Mib si muove poco al di sopra della parità, nei pressi dei massimi toccati fino ad ora, con un rialzo dello 0,25% a 22.455 punti.

Tra le blue chips Fca riesce a fare meglio dell'indice di riferimento, allungando la striscia di sedute positive che con quella odierne sale a sette di fila.

Il titolo, dopo aver guadagnato ieri circa un punto percentuale, quest'oggi sembra voler proporre un copione simile.
Negli ultimi minuti Fca passa di mano a 12,328 euro, con un progresso dell'1,05% e oltre 1,6 milioni di azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 8,5 milioni di pezzi.

Il titolo si spinge in avanti ignorando del tutto le indiscrezioni riportate da Reuters secondo cui Fca potrebbe ricevere una multa da 79 milioni di dollari da parte delle autorità statunitensi.

La ragione di questa sanzione è da ricondurre al mancato rispetto dei paramenti previsti per il consumo dei carburanti nei modelli costruiti nel 2017.

I rumor sono stati già commentati dai vertici di Fca i quali hanno precisato che la multa negli Stati Uniti non avrà impatti rilevanti sull'andamento operativo del gruppo.