Anche la seduta odierna è vissuta in positivo da Ferrari che, dopo aver guadagnato quasi due punti percentuali ieri, riesce a fare ancora meglio oggi.

Ferrari in corsa, più tonico del Ftse Mib

Il titolo negli ultimi minuti passa di mano a 163,25 euro, con un rialzo del 2,67% e circa 300mila azioni scambiate fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a poco più di 400mila pezzi.

Ferrari oggi mostra più forza relativa del Ftse Mib e conquista la seconda posizione nel paniere delle blue chips, dopo essere finito sotto la lente di due banche d'affari.

Ferrari: Morgan Stanley resta bullish e alza target price

Il titolo ha ricevuto una conferma bullish da Morgan Stanley che ha ribadito la raccomandazione "overweight", con un prezzo obiettivo alzato da 180 a 265 dollari, pari a circa 225 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 38% rispetto alle quotazioni correnti di Borsa.

La banca Usa nel migliore degli scenari indica un target price a 350 dollari e ritiene che con il prossimo lancio del Suv Purosangue, Ferrari dovrebbe fare breccia in una nuova nicchia di mercato.

Ferrari: Jefferies migliora fair value, ma il giudizio è negativo

Ben diversa l'indicazione che giunge da Jefferies, i cui analisti sono molto severi con Ferrari, tanto da confermare una raccomandazione "underperform", con un target price incremento da 108 a 118 dollari, valore che si colloca ben al di sotto di quelli attuali a Piazza Affari.