Dopo due sedute consecutive in calo, Ferrari oggi si è riscattato con un bel rialzo, mettendo a segno una delle migliori performance nel paniere del Ftse Mib.

Il titolo, chiusa la sessione di ieri con un calo di oltre mezzo punto percentuale, oggi ha guadagnato terreno, fermandosi a 157,1 euro, con un progresso dell'1,85% e oltre 520mila azioni trattate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 260mila pezzi.

Da segnalare che nel corso della seduta Ferrari ha aggiornato il massimo storico, con un nuovo top a 158,25 euro.
Il titolo ha beneficato della positiva intonazione del mercato e della conferma bullish di Kepler Cheuvreux che ha ribadito la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 175 euro.

Il broker ha fiducia nel fatto che il gruppo dovrebbe continuare a mettere a segno un forte free cash flow, grazie al mix di Ebitda in crescita e di spese per investimenti controllate.

Gli analisti guardano con ottimismo anche al payout che è stato già incremento del 30%, ma a loro dire può continuare ad aumentare insieme all'esecuzione del piano di buy-back.

A scommettere senza indugio su Ferrari è anche UBS che tre giorni ha rinnovato l'invito ad acquistare, con un target price a 187 dollari.

Per gli analisti la forza del mercato e la visibilità sui ricavi e sul flusso di cassa meritano una valutazione a premio.

Anche se Ferrari è sui massimi di sempre, per UBS c'è ancora potenziale di rialzo, anche alla luce del fatto che la domanda eccede l'offerta di vetture Ferrari e gli analisti vedono considerevoli opportunità di crescita nel più lungo periodo.