Fincantieri (+3,78%) ha esteso la reazione partita a marzo fino a 0,615 circa, media mobile a 50 giorni e quota pari al 50% di ritracciamento del ribasso dai top di febbraio. Conferme oltre area 0,62 darebbero continuità al movimento verso obiettivi a 0,68, poi fino a 0,79/0,81, base/lato alto del gap del 24 febbraio. Senza la rottura di area 0,62 resterà invece elevato il rischio di assistere a ulteriori cali anche al di sotto dei minimi recenti, fino ai bottom del 2016 a 0,26 circa.

(CC - www.ftaonline.com)