La banca giapponese Nomura ha chiuso il secondo trimestre dell'esercizio al 31 marzo 2013 con ricavi in crescita del 33% a 401,7 miliardi di yen (circa 5,2 miliardi di dollari). L'utile attribuibile agli azionisti è aumentato a 2,8 miliardi di yen (circa 36 milioni di dollari), ma è risultato inferiore alle attese degli analisti. L'amministratore delegato del gruppo Koji Nagai ha dichiarato: "Abbiamo riportato il quarto trimestre di utile ante-imposte di seguito in tutti i rami di attività, nonostante l'ambiente sfidante caratterizzato dalla crisi del debito sovrano in Europa e dal rallentamento dell'economia cinese". Particolarmente brillanti le performance delle attività obbligazionarie del gruppo.

(GD)