I prezzi di Banca Carige, che registra un meno -1,60% a 0,735 circa, si muovono in una fase laterale compresa tra i massimi a 0,749 e i minimi a 0,7230 delle sedute del 6 e 7 febbraio. La fuoriuscita da questo range, del quale oggi il titolo sta mettendo sotto pressione la parte inferiore, segnalera' se i prezzi vorranno continuare il trend negativo, che parte dai massimi a 0,896 (top di gennaio), oppure avviare una fase di rimbalzo a correzione della precedente discesa. La situazione è fluida e aperta ad entrambi gli sviluppi. Se i prezzi dovessero rompere al rialzo il lato superiore del canale laterale, a 0,749, le resistenze da affrontare sarebbero di natura dinamica, la vicina media mobile a 100 giorni a quota 0,756, e oltre la media mobile a 20 giorni a 0,773, prima di rivedere area 0,85. Senza essere troppo allarmisti vogliamo sottolineare come la violazione del lato inferiore del canale laterale, a 0,723, potrebbe essere seguita da una discesa di ampiezza pari a quella del trend ribassista da cui si è generato il canale laterale, quindi con target fino a 0,55. Sotto 0,723 verrebbe violata anche la trend line rialzista di medio termine che parte dai minimi di luglio 2012 a 0,4954. Sotto tale area il primo supporto si pone a 0,708, dove troviamo la media mobile a 200 giorni, poi a 0,68 e 0,6260, minimo di novembre 2011, infine a 0,55 euro.

(AM)