E' stato sottoscritto in data 6 giugno 2014 tra SAVE, l'Aeroporto Valerio Catullo di Verona e i suoi soci di riferimento - la Camera di Commercio I.A.A. di Verona, il Comune di Verona e la Provincia di Verona - un accordo di investimento regolante i termini e le condizioni dell'investimento di SAVE nel capitale sociale di Catullo, finalizzato a realizzare il progetto di integrazione industriale tra i due gruppi societari nella prospettiva della costituzione di un unico polo aeroportuale.

All'accordo di investimento aderirà, entro i primi giorni di questa settimana, la Provincia Autonoma di Trento, altro socio di riferimento di Catullo.

L'Operazione, traendo spunto dall'accordo industriale volto allo sviluppo degli Aeroporti del Garda, prevede un aumento di capitale sociale di Catullo, in via scindibile ai sensi dell'art. 2441, comma 1 cod. civ., che verrà sottoscritto anche da SAVE.

Dopo il suddetto aumento di capitale, basato su un Equity Value pre-money consolidato pari a circa Euro 50 milioni, SAVE arriverà a detenere una partecipazione complessiva pari ad almeno il 35% della Catullo.

L'accordo prevede un esborso per SAVE non superiore ad Euro 34,2 milioni, che verrà finanziato attraverso l'utilizzo di linee di credito già disponibili. L'efficacia dell'accordo di investimento è sospensivamente condizionata all'approvazione dell'Operazione dei competenti organi deliberanti delle parti dell'accordo di investimento entro il 30 giugno 2014.

Alla data di esecuzione dell'accordo di investimento, che non potrà essere successiva al 30 ottobre p.v., le parti sottoscriveranno un patto parasociale diretto a disciplinare i rapporti fra i soci in ordine alla governance di Catullo.