A New York i principali indici hanno aperto la seduta deboli. Il Dow Jones cede lo 0,08%, l'S&P500 lo 0,05% e il Nasdaq Composite lo 0,07%.
Nel corso della giornata sono stati diffusi una raffica di dati macroeconomici.
Nel mese di luglio i nuovi posti di lavoro, nei settori non agricoli, sono stati pari a 209mila unità. Il dato e' risultato inferiore alle attese degli addetti ai lavori che erano pari a 233 mila nuovi posti di lavoro.
La spesa per consumi personali di giugno e' risultata pari a +0,4% su base mensile, in linea con le stime degli addetti ai lavori e superiore alla rilevazione di maggio, pari a +0,3% m/m.
Nel mese di luglio l'Indice PMI Manifatturiero e' sceso a 55,8 punti dai 57,3 punti del mese precedente. Il dato e' risultato però inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a 56,3 punti.
Gli esperti dell'Universita' del Michigan e di Reuters hanno rivisto al rialzo la stima preliminare dell'indice sulla fiducia dei consumatori statunitensi del mese di luglio a 81,8 punti dagli 81,3 della prima lettura risultando però in calo dagli 82,5 punti di giugno. Le aspettative degli analisti erano fissate su un indice pari a 82 punti.
Nel mese di luglio l'Indice ISM Manifatturiero e' salito a 57,1 punti da 55,3 punti del mese precedente. Il dato e' risultato superiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a 56 punti.
Sul fronte societario LinkedIn +10%. Il social network per professionisti ha alzato le stime 2014 dopo aver archiviato il secondo trimestre con risultati superiori alle attese. L'utile per azione dell'intero esercizio è atteso a 1,80 dollari su ricavi per 2,14-2,16 miliardi di dollari. Nello scorso trimestre l'Eps adjusted si è attestato a 0,51 dollari contro i 0,39 dollari attesi dagli analisti. Il giro d'affari è aumentato del 47% a 533,9 milioni contro i 511 milioni del consensus.