Il Ftse Mib ha chiuso a -0,87%, il Ftse Italia All-Share a -0,80%, il Ftse Italia Mid Cap a +0,13%, il Ftse Italia Star a +0,08%.
Seduta all'insegna della debolezza a Milano e anche nel resto dell'Europa dopo i deludenti dati sul PIL. Nel pomeriggio le piazze continentali hanno recuperato terreno grazie ai dati USA e alla conferma da parte di Fitch del rating AAA al merito di credito statunitense.
Piazza Affari è però stata la peggiore in Europa a causa della pioggia di vendite che ha investito il comparto delle utility dopo l'inasprimento della "robin hood tax" previsto nell'ultima manovra. La tassa andrà a colpire anche le società attive nella trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica e del gas naturale, nonché quelle del settore delle rinnovabili, finora escluse. In forte calo Terna, Snam Rete Gas, Enel Green Power, Enel, Falck Renewables, Iren.
Pessima seduta anche per Fiat dopo che la responsabile del brand torinese negli USA, Laura Soave, ha dichiarato in un'intervista a Bloomberg che probabilmente il target di vendite 2011 della 500 nel Nord America (50mila unità) difficilmente verrà raggiunto.
STMicroelectronics è tornata a perdere terreno dopo il rimbalzo visto nelle ultime sedute della scorsa ottava. Il titolo per il momento resiste al di sopra del primo supporto a 4,65 euro circa, riferimento che se violato in chiusura di seduta aprirebbe le porte a un pericoloso test di area 4,30. Segnali positivi sopra 5 per l'obiettivo a quota 5,60.
Male anche Lottomatica nonostante che la controllata americana GTech abbia siglato un'estensione di tre anni del contratto con la Missouri Lottery. L'estensione genererà ricavi attesi per circa 45 milioni di dollari.