Dopo oltre un'ora e mezza di contrattazioni a Wall Street i principali indici statunitensi sono in territorio negativo. Il Dow Jones Industrial Average evidenzia un ribasso dell'1% e il Nasdaq Composite dello 0,80%.

A pesare sulle piazze azionarie del paese a stelle e strisce e' il forte scetticismo degli addetti ai lavori relativo agli accordi in Grecia. L'Unione Europea e il Fondo Monetario Internazionale avrebbero, infatti, richiesto prima di rilasciare il nuovo pacchetto di aiuti (130 mld di euro) la ratifica parlamentare delle nuove misure di austerita' e l'identificazione di altri 325 mln di euro in tagli alla spesa (riduzione dei salari e altro). E la situazione in Grecia e' molto complicata perche' le tensioni sociali stanno aumentando notevolmente e potrebbero fare saltare l'intesa appena raggiunta e provocare il default del paese ellenico.

Deludenti anche le cifre macro pubblicate negli States

Il Dipartimento del Commercio ha annunciato che il disavanzo commerciale e' salito nel mese di dicembre da 47,06 mld di dollari a 48,8 mld di dollari. Il deficit e' peggiore delle attese degli economisti che si aspettavano un disavanzo pari a 48 mld di dollari.

La stima preliminare sull'indice di fiducia dei consumatori statunitensi, calcolato dall'Università del Michigan evidenzia una flessione, nel mese di febbraio, da 75 a 72,5 punti, peggiore delle previsioni degli addetti ai lavori (74,5 punti). L'indice relativo alle aspettative si e' attestato a 68 punti (consensus 69,5 punti).

Sul fronte societario in calo i bancari. Scendono Morgan Stanley -3%, Bank of America -2%, JPMorgan Chase -1% e Goldman Sachs -0,90%.

Gran denaro, invece, su LinkedIn (+11%) che ha reso noto i risultati societari del quarto trimestre. Il social network per professionisti ha ottenuto un fatturato pari a 167,7 mln di dollari, superiore a quello del 4T 2010 (81,7 mln di dollari) e a quello previsto dagli addetti ai lavori (159,7 mln di dollari). L'utile netto si e' attestato a 6,9 mln di dollari (0,06 dollari per azione). L'eps adjusted e' risultato pari a 0,12 dollari per azione (consensus 0,07 dollari per azione). Gli esperti del gruppo californiano hanno previsto per il trimestre in corso un fatturato compreso tra 170 e 175 mln di dollari (consensus 170,8 mln di dollari) e un ebitda adjusted nella forchetta 25-27 mln di dollari (aspettative 25,63 mln di dollari). Per il 2012 LinkedIn si aspetta un giro d'affari nel range 840-860 mln di dollari (attese 828,2 mln di dollari) e un ebitda adjusted tra 155 e 165 mln di dollari (stime 149,8 mln di dollari). Nelle contrattazioni after-hours di Wall Street il titolo ha evidenziato un rialzo del 2%.