Attestandosi a giugno a 45,1, invariato quindi rispetto al mese precedente, il Markit PMI finale sul settore Manifatturiero dell'Eurozona è stato leggermente maggiore rispetto alla precedente stima flash di 44,8. Ad ogni modo, il tasso di declino è stato identico a quello registrato a maggio, quando le condizioni operative sono peggiorate al tasso più rapido in quasi tre anni. Considerando il secondo trimestre nel suo insieme, il PMI ha registrato la media più bassa dal secondo trimestre del 2009 di 45,4.

Classifica per PMI Manifatturiero (Giugno)
Irlanda 53,1 Massimo in 14 mesi
Austria 50,1 Minimo in 6 mesi
Paesi Bassi 48,9 Massimo in 2 mesi
Francia 45,2 Massimo in 2 mesi
Germania 45,0 Minimo in 36 mesi
Italia 44,6 Minimo in 2 mesi
Spagna 41,1 Minimo in 37 mesi
Grecia 40,1 Minimo in 4 mesi

Le indagini PMI di giugno hanno segnalato contrazioni manifatturiere in tutte le 5 maggiori economie. Il tasso di declino della Germania è stato il maggiore in tre anni, segnando la quarta contrazione mensile consecutiva della maggiore economia della regione. Elevati tassi di contrazioni sono stati inoltre segnalati in Italia e Spagna, nonostante lievi rallentamenti sono stati riportati in Francia e nei Paesi Bassi. Allo stesso tempo la Grecia sprofonda in basso alla classifica dei PMI. L'Austria tentenna solo leggermente al di sopra della stagnazione, mentre l'Irlanda continua a marciare su territorio positivo, registrando l'espansione manifatturiera al tasso più veloce, col PMI che raggiunge il valore maggiore in 14 mesi.

Il PMI dell'Eurozona rimane ancorato in territorio di contrazione a causa del quarto mese consecutivo di declino della produzione manifatturiera, scesa a luglio ad un tasso mai osservato in tre anni. Quest'ultimo declino è stato causato dall'ulteriore ed elevato calo dei nuovi ordini ricevuti. Ad ogni modo i tassi di declino della produzione e dei nuovi ordini sono stati più bassi se paragonati alle precedenti stime flash. L'Irlanda e l'Austria sono state le sole nazioni che hanno riportato aumenti sia della produzione che dei nuovi ordini.