Lim Liang Song, amministratore delegato di Adr, Changi Airport International, la società che gestisce l'aeroporto di Singapore ed è socia dei Benetton e di Mediobanca in Gemina, ha espresso preoccupazione per la situazione dell'aeroporto di Fiumicino.

"Siamo molto preoccupati per i ritardo del contratto di programma. Fiumicino sta operando oltre la capacità per il quale è stato disegnato". Il contratto di programma approvato nel luglio del 2011 dall'Enac aspetta ancora un via libera del governo.

Il provvedimento, la cui applicazione è questione annosa, sbloccherebbe gli aumenti delle tariffe aeroportuali in decollo e atterraggio. In pratica consentirebbe a Fiumicino, scalo gestito da Adr controllata di Gemina, di alzare le tariffe da 16 a 26,3 euro allineandosi a quanto già ottenuto da Linate e consentendo lo sblocco di investimenti previsti per 12,1 miliardi. Lo riporta stamane CorrierEconomia, l'inserto economico settimanale de Il Corriere della Sera.

(GD)