Nella seduta di ieri Impregilo ha disegnato un 'engulfing' rialzista sul supporto dei 3 euro che ha permesso di far risalire le quotazioni fino alla resistenza dei 3,20 euro. Oggi il titolo è riuscito a balzare avanti di altri 3 punti percentuali, rompendo con decisione in questo punto la linea di tendenza che scende dal 22 giugno. Dopo aver raggiunto il primo target a 3,32 euro i prezzi stanno ora consolidando intorno a 3,25 euro per raccogliere nuove energie in grado favorire un ritorno sul target intermedio a 3,43 euro, sui top precedenti a 3,718 euro e verso l'obiettivo più ambizioso a 4,33 euro. Nella direzione opposta, il cedimento di 2,98 euro introdurrebbe al test di 2,668 euro, per la copertura del gap apertosi l'8 marzo e punto di transito della media mobile a 200 periodi. Sotto questo riferimento i supporti successivi si collocano a 2,60 euro, a 2,43 euro e poco più in basso a 2,33 euro, valore corrispondente al 61,8% di ritracciamento del rialzo avviato a settembre e limite invalicabile per non compromettere l'intonazione rialzista del titolo.

(CC)