Il Ftse Mib ha chiuso a -0,05%, il Ftse Italia All-Share a -0,05%, il Ftse Italia Mid Cap a -0,09%, il Ftse Italia Star a -0,26%.
Giornata interlocutoria sui mercati europei: il premier spagnolo, Mariano Rajoy, nel corso del suo intervento al Parlamento ha affermato che tra aumenti di tasse e tagli alle spese le misure di austerity avranno un valore complessivo di 65 miliardi di euro in due anni. Previsti l'incremento dell'IVA dal 18% al 21%, la riforma delle amministrazioni locali, l'eliminazione dei bonus per i dipendenti pubblici. Vittorio Grilli è il nuovo Ministro dell'Economia: l'ex vice del premier Mario Monti, che ha abbandonato l'interim proponendo Grilli come suo successore, ha giurato poco fa al Quirinale. Monti ha anche deciso di istituire, presso Palazzo Chigi, un Comitato per il coordinamento della politica economica e finanziaria, da lui presieduto.
Copiose vendite sui titoli del settore lusso. L'indice Bloomberg European Luxury Goods ha ceduto il 3,8% appesantito da Burberry: le vendite della prestigiosa casa britannica Burberry nel trimestre aprile-giugno sono salite dell'11%, meno del +15% del trimestre precedente e del +13% atteso dagli analisti. In forte calo a Milano Ferragamo (-6,6%) e Tod's (-4,8%).
Pessima seduta anche per i titoli del comparto industriale, dopo la buona performance del giorno prima. Male Finmeccanica (-2,7%), nonostante gli ordini per nuovi aeromobili ricevuti dalla controllata ATR, seguita da Prysmian (-2%) e Maire Tecnimont (-2,2%).
In forte calo soprattutto Fiat Industrial (-4,4%) dopo che ieri sera il produttore di motori americano Cummins ha lanciato un warning sui ricavi citando un calo di ordini negli USA nel settore dei camion.