Con un balzo di oltre 7 punti percentuali, A2A si catapulta a ridosso della linea di tendenza che scende dai top di fine maggio, a 0,355. Sarà fondamentale la vittoria su questo riferimento per permettere ai prezzi di ambire al test di 0,39 e successivamente a 0,42/0,43, livello corrispondente ai minimi di maggio e pari al 50% di ritracciamento della discesa partita a maggio. Con un orizzonte temporale più esteso, solo al superamento della resistenza strategica in area 0,49/0,50 euro si potrebbero creare le condizioni per una ripresa duratura in direzione del top precedente in area 0,60 euro, punto dove i prezzi incontreranno il blocco definito da una linea di tendenza che scende dai top del 2008. Al contrario, sotto 0,29 il downtrend potrebbe invece acquisire forza e spingere i corsi verso nuovi target negativi a 0,26 e 0,20.

(CC)