Mediobanca non è riuscito a confermarsi oltre quota 2,85 ed è sceso fino a 2,68 per ricoprire chirurgicamente il gap rialzista del 30 luglio. Chiusure di ottava sotto questo valore rischierebbero di compromettere quanto di buono fatto nelle ultime sedute, con probabile rivisitazione dei minimi a 2,34. Al contrario, conferme oltre 2,85 permetterebbero di proseguire lo slancio almeno fino a quota 3,02, 'return move' sulla linea di tendenza tracciata dai bottom di fine maggio. Un segnale importante di ripresa giungerebbe oltre la media mobile a 100 giorni, a 3,50 circa, e alla rottura della trendline che scende dai top del 2011, a 3,79. Atteso in tal caso il test a 4,15 euro della media mobile a 200 periodi. 

(CC)