Il Consiglio di Amministrazione della Pininfarina S.p.A., riunito oggi sotto la presidenza dell'Ing. Paolo Pininfarina, ha approvato la Relazione finanziaria sull'andamento del Gruppo nei primi sei mesi del 2012.
In dettaglio il valore della produzione consolidata al 30 giugno 2012 è risultato pari a 32,9 milioni di euro rispetto ai 31,3 milioni di euro di un anno prima (+5,1%). A fronte di un margine operativo lordo (equivalente all'utile/perdita di gestione al lordo di ammortamenti e accantonamenti) positivo di 5,7 milioni di euro del primo semestre 2011 (di cui 8,9 milioni di euro per effetto della plusvalenza sulla cessione della partecipazione nella joint venture Véhicules Electriques Pininfarina Bolloré) il dato al 30 giugno 2012 è negativo di 6,3 milioni di euro.
Il risultato operativo (equivalente all'utile/perdita di gestione) del semestre è risultato negativo per 7,8 milioni di euro contro un valore positivo di 1,5 milioni di euro registrato al 30 giugno 2011 (principalmente per effetto della già citata plusvalenza).
Gli oneri finanziari netti - che nel primo semestre 2011 ammontavano a 0,5 milioni di euro - si incrementano a 1,5 milioni di euro principalmente per effetto degli oneri figurativi connessi alla sottoscrizione del nuovo Accordo di Riscadenziamento, tale Accordo ha inoltre permesso l'iscrizione, in data 1° maggio 2012, di un provento da estinzione delle passività finanziarie pari a 44,8 milioni di euro. Al netto delle imposte per 0,2 milioni di euro (0,4 milioni di euro nel 2011) il risultato netto del semestre evidenzia un utile di 35,3 milioni di euro rispetto all'utile registrato al 30 giugno 2011 pari a 0,6 milioni di euro.