Petrolio: chiusura in ribasso ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono scese dell'1,15% a 52,81 dollari.
Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia Usa.

Wall Street: conclusione positiva ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&p500 sono saliti rispettivamente dello 0,89% e dell'1%, preceduti dal Nasdaq Composite che ha guadagnato l'1,24% a 8.148,71 punti.

Dati Macro ed Eventi Usa: oltre all'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari, si conosceranno le vendite al dettaglio che a settembre dovrebbero salire dello 0,3%, in frenata rispetto allo 0,4% precedente, e anche al netto della componente auto si stima una variazione positiva dello 0,3%, in recupero rispetto alla lettura sulla parità del mese precedente.

Per le scorte alle imprese di agosto le stime parlano di un rialzo dello 0,3% dopo lo 0,4% di luglio, mentre l'indice Nahb ad ottobre dovrebbe rimanere invariato a 68 punti.

Due ore prima della chiusura di Wall Street sarà diffuso il Beige Book, il report periodico della Fed sullo stato di salute dell'economia statunitense.

Risultati trimestrali Usa: prima dell'apertura si Wall Street si conosceranno le trimestrali di Bank of America e di Bank of New York con un eps atteso rispettivamente a 0,51 e a 0,99 dollari.

A mercati chiusi sarà la volta di Alcoa che dovrebbe riportare una perdita per azione di 0,32 dollari, mentre per i conti di IBM e di Netflix le attese parlano di un eps pari a 2,67 e a 1,04 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: sarà reso noto il dato definitivo dell'inflazione che a settembre dovrebbe confermare la lettura preliminare con un rialzo dello 0,2% rispetto allo 0,1% di agosto.
Per la versione "core" le stime indicano un rialzo dell'1,2% su base annua contro l'1% precedente.