Petrolio: chiusura in rialzo ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono salite dell'1,16% a 53,91 dollari.

Wall Street: conclusione negativa ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono scesi rispettivamente dello 0,44% e dello 0,38%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 9.750,96 punti, in ribasso dello 0,67% 

Dati Macro ed Eventi Usa: si conoscerà il dato preliminare dell'indice PMI manifatturiero che a febbraio dovrebbe calare da 51,9 a 51,5 punti, mentre l'indice PMI servizi da 53,4 a 53 punti.
Per le vendite di case esistenti a gennaio le stime parlano di una contrazione da 5,54 a 5,41 milioni di unità.

Risultati trimestrali Usa: da seguire i risultati del primo trimestre dell'esercizio fiscale in corso di Deere & Co. con un eps atteso a 1,26 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: è atteso il dato preliminare dell'indice PMI composito che febbraio dovrebbe calare da 51,3 a 51 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero dovrebbe scendere da 47,9 a 47,5 punti e l'indice PMI servizi da 52,5 a 52,1 punti.

Per la versione definitiva dell'inflazione a gennaio si stima una variazione negativa dell'1%, in linea con l'indicazione preliminare, dopo il rialzo dello 0,3% di dicembre.
Per il dato "core" si prevede una conferma del rialzo dell'1,3% precedente.

In Francia il PMI manifatturiero preliminare di febbraio dovrebbe scendere da 51,1 a 50,5 punti e il PMI servizi da 51 a 50,9 punti.
In Germania l'indice PMI manifatturiero è visto in flessione da 45,2 a 44,8 punti e il PMI servizi da 54,2 a 54 punti.

In Italia il dato sull'inflazione di gennaio dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,2%, in linea con la lettura precedente.