Petrolio: chiusura in netto calo ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono scese del 2,88% a 47,2 dollari.

Wall Street: conclusione in caduta libera ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono crollati entrambi del 4,42%, seguiti dal Nasdaq Composite che ha lasciato sul parterre il 4,61%.  

Dati Macro ed Eventi Usa: si segnalano i redditi personali che a gennaio dovrebbero salire dallo 0,2% allo 0,3%, mentre le spese per consumi dovrebbero confermare l'incremento dello 0,3% precedente e l'indice PCE core salire dello 0,25, in linea con la lettura di dicembre.

Per l'indice Chicago PMI di gennaio si prevede un aumento da 42,9 a 45,8 punti, mentre il dato definitivo della fiducia Michigan a febbraio dovrebbe calare a 100,5 punti dai 100,9 della lettura preliminare, ma salire in confronto ai 99,8 punti di gennaio.

Risultati trimestrali Usa: prima dell'apertura di Wall Street saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di Foot Locker dai quali ci si attende un utile per azione di 1,58 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: si guarderà alla Germania dove saranno resi noti i prezzi import che a gennaio dovrebero salire dello 0,2%, in lina con la lettura precedente, mentre il tasso di disoccupazione a febbraio è atteso invariato al 5%. 

Per il dato preliminare dell'inflazione a febbraio le attese parlano di una variazione positiva dello 0,3% dopo il calo dello 0,6% precedente.

Lo stesso dato si conoscerà in Francia dove le stime indicano un rialzo dello 0,3% dopo lo 0,4% precedente.
Sempre in Francia le spese per consumi a gennaio dovrebbero migliorare da -0,3%  a +0,2%, mentre il dato finale del PIL del quarto trimestre dovrebbe confermare la lettura preliminare con una variazione negativa dello 0,1%.