A Piazza Affari la seduta odierna prosegue in maniera contrastata per i titoli del settore bancario che non riescono a muoversi tutti nella stessa direzione.

Ftse Mib giù: tra le banche corre Banco BPM, stonano Unicredit e Intesa

Sulla scia di un Ftse Mib che viaggia in territorio negativo, perdono terreno i due bid del comparto, Unicredit e Intesa Sanpaolo che arretrano rispettivamente dell'1,15% e dello 0,51%.

Si muove appena sopra la parità Bper Banca con un frazionale rialzo dello 0,25%, preceduto da Mediobanca che si apprezza dello 0,77%, ma ad avere la meglio è Banco BPM che, con un rally di quasi il 4%, conquista il primo posto non solo nel settore di riferimento, ma anche nel paniere delle blue chips.

Banche: aggiornamenti Bankitalia su domande di moratoria

I titoli del settore bancario finiscono sotto i riflettori dopo che la Banca d’Italia ha reso noto i dati relativi all’ammontare di moratorie richieste ed accordate dal settore in base ai decreti Cura Italia e Liquidità, e alle iniziative dell’ABI al 31 luglio.

In particolare, sono state presentate più di 2,7 milioni di richieste di moratoria, con un livello di accettazione del 93%, corrispondente a un debito residuo pari a 290 miliardi di euro, contro i 266 miliardi al 29 maggio, vale a dire circa il 14% del portafoglio prestiti ai privati.

Di questi, circa 207 miliardi di euro, il 72% del totale, fanno riferimento a società non finanziarie, mentre il resto alla componente retail.

Banche: ultimi dati su prestiti garantiti

Le richieste di finanziamenti al Fondo di Garanzia PMI superano gli 85 miliardi di euro, contro i 50 miliardi di richieste a fine maggio, con una percentuale di erogato dell’87%, mentre i prestiti garantiti da Sace raggiungono i 12,4 miliardi di euro.