Il Ftse Mib ha toccato venerdi' dei nuovi massimi annuali a 24168 punti, superando, anche se solo marginalmente, quelli del 10 gennaio di area 24147 punti. In corrispondenza di questi livelli si colloca la trend line crescente che unisce il top del 12 novembre con quello del 20 dicembre, linea passante per la precisione a 24100, che forma il lato alto di una sorta di "imbuto" il cui limite inferiore e' la trend line, anche lei crescente, che unisce i minimi di inizio dicembre e di inizio gennaio. La seduta di venerdi' ha quindi cercato di scardinare il lato superiore dell'imbuto, andando a terminare proprio in corrispondenza di esso. La rottura di area 24100, se confermata in chiusura di seduta, avrebbe una valenza notevole dal momento che allontanerebbe il rischio di essere in presenza di un elemento "ending diagonal", ovvero della parte terminale di una sequenza rialzista impulsiva (che sarebbe il rialzo avviatosi ad agosto). Chiusure di seduta oltre 24100/150 permetterebbero all'indice di puntare al test dei massimi di maggio 2018 a 24544 punti (resistenza rilevante anche in ottica di medio lungo periodo). La mancata rottura del lato alto dell'imbuto potrebbe invece essere seguita dal test della sua base, attualmente a 23580 circa. Sotto quei livelli atteso il test almeno dei minimi di inizio dicembre a 22987 punti.

(AM - www.ftaonline.com)