Il Consiglio di Amministrazione di Gabetti Property Solutions, riunitosi oggi sotto la presidenza di Fabrizio Prete, ha approvato i dati consolidati al 30 settembre 2019 che evidenziano un *EBITDA dell'attività servizi *per euro 3,2 milioni, in forte crescita rispetto a quello realizzato al 30 settembre 2018 pari ad euro 0,8 milioni. Si evidenzia che l'introduzione del nuovo principio contabile IFRS 16 ha portato un effetto positivo sull'EBITDA dei primi nove mesi del 2019 per euro 1,3 milioni (minori costi per godimento beni di terzi); al netto di tale effetto l'EBITDA sarebbe stato pari ad euro 1,9 milioni comunque più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente.

A livello complessivo è proseguito lo sviluppo del volume dei ricavi operativi, al 30 settembre 2019 pari ad euro 37,3 milioni, in crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente.

L'*EBIT *di Gruppo è risultato pari ad euro -0,7 milioni, in deciso miglioramento rispetto ad euro -1,8 milioni del 30 settembre 2018; il forte incremento dell'EBITDA è solo parzialmente controbilanciato dalla crescita nella voce *ammortamenti *per euro 1,1 milioni (dovuta prevalentemente a maggiori ammortamenti legati all'introduzione del nuovo principio contabile IFRS 16 pari ad euro 1,3 milioni, in parte compensati dal venire meno dell'ammortamento del goodwill allocato ad asset della *CGU Tree Real Estate *per euro 0,3 milioni, ultima quota residuale, effettuato nel 1° trimestre 2018), da accantonamenti al fondo rischi e oneri per euro 0,4 milioni (non presenti al 30 giugno 2018), mentre le svalutazioni crediti sono in leggera contrazione.

Al 30 settembre 2019 il *risultato lordo *del Gruppo Gabetti è stato pari ad euro -1,1 milioni (già considerate perdite di competenza di terzi per euro 43 mila) in miglioramento del 46% rispetto al risultato del 30 settembre 2018 pari ad euro -2,0 milioni, a conferma del continuo percorso di crescita intrapreso dal Gruppo nel corso degli ultimi anni.