Si è tenuta in prima convocazione l'Assemblea straordinaria e ordinaria di Gefran S.p.A. presieduta da Maria Chiara Franceschetti. L'Assemblea ha approvato il bilancio di Gefran S.p.A. relativo all'esercizio 2019 (di seguito in dettaglio) e deliberato di destinare integralmente l'utile di esercizio (Euro 6,2 milioni) a utili esercizi precedenti. Il nuovo Consiglio di Amministrazione, riunitosi dopo l'Assemblea, ha conferito la carica di Presidente del Consiglio d'Amministrazione a Maria Chiara Franceschetti e ha nominato Andrea Franceschetti e Giovanna Franceschetti Vicepresidenti e Marcello Perini Amministratore Delegato. "Quest'incarico è l'evoluzione di un percorso professionale compiuto interamente nel Gruppo che mi rende orgoglioso", ha dichiarato Marcello Perini. "Ringrazio la proprietà per la fiducia e tutti i colleghi con i quali ho collaborato: questo traguardo non sarebbe stato possibile senza l'arricchimento professionale che ho tratto dal lavoro in team. Credo che la conoscenza del Gruppo maturata in questi anni sarà molto utile per affrontare le complessità dell'attuale fase e per guidare il percorso di sviluppo dei prossimi anni".

Impatto del Covid-19 - Aggiornamento sul business
Gefran, come molte altre aziende, sta vivendo un momento molto delicato in cui gli impatti della pandemia da Covid_19 sono oggettivi. Fin dalla manifestazione del virus in Cina, Gefran ha adottato rigorosi protocolli di comportamento a salvaguardia di tutti i suoi collaboratori e dei loro familiari. Il personale per il quale non è indispensabile la presenza fisica in azienda opera a tutt'oggi in smart working. Per il resto dei dipendenti sono stati messi in atto presidi igienico-sanitari e rigorose procedure a tutela della salute. Gefran è pronta a gestire la situazione con nuove modalità organizzative avendo attivato processi di contenimento costi e mettendo di fatto in atto un importante piano di ridefinizione delle attività e delle priorità. Benchè l'attività aziendale abbia registrato, nel complesso, un serio rallentamento, in Italia i reparti dedicati a filiere produttive essenziali (medicale e plastica, in particolare) hanno continuato a essere operativi. Le misure adottate dai governi, ovunque nel mondo, per contrastare la diffusione del virus hanno determinato un calo della domanda che ha impattato negativamente sui ricavi anche delle controllate estere: nel primo trimestre dell'anno i ricavi totali del Gruppo sono diminuiti del 13%. Non è possibile, al momento, fare previsioni sull'evoluzione dello scenario di business. Dal mercato arrivano peraltro segnali contrastanti: da un lato vediamo il mondo cinese che, ripartito, sollecita forniture in quantità significative, dall'altro l'Europa e gli Stati Uniti ci appaiono fermi ai blocchi, in attesa delle prossime evoluzioni. In considerazione dello scenario delineato, Gefran prevede per l'esercizio in corso ricavi e marginalità in flessione rispetto all'anno precedente. "Siamo positivi – commenta l'ing. Perini che sta gestendo la contingenza fin dalle sue prime manifestazioni – rispetto alla capacità del Gruppo di mantenersi sostenibile: la nostra solidità finanziaria supporta il piano di investimenti che stiamo perseguendo per essere pronti a ripartire preparati a cogliere le sfide che ci attendono al termine di questo momento di crisi."

(RV - www.ftaonline.com)