In linea con quanto accaduto per il Ftse Mib e molte altre blue chips, anche Generali oggi ha vissuto una seduta a due facce, con una partenza positiva seguita da una frenata successiva.

Il titolo, reduce da tre sessioni consecutive in rialzo, dopo aver chiuso quella di ieri con un progresso dello 0,55%, oggi ha provato inizialmente a spingersi in avanti, salvo poi cambiare rotta e terminare gli scambi in calo.

Generali si è fermato appena sotto la parità a 18,34 euro, con un ribasso dello 0,11% e quasi 4 milioni di azioni trattate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 4,3 milioni di pezzi.

Il titolo non ha trovato sostegno nelle indiscrezioni riportate da Bloomberg, secondo cui Generali sarebbe in discussioni avanzate per acquisire le attività svizzere della banca danese Saxo Bank.

L’obiettivo è quello di sviluppare le attività di private banking nel Paese e poter far leva su una nuova piattaforma per la distribuzione dei prodotti Generali nel Paese.

Gli analisti di Equita SIM evidenziano che al 2018 le attività svizzere di Saxo Bank avevano riportato un utile di circa 3 milioni.

Di conseguenza gli esperti si aspettano che un’eventuale operazione sia di dimensioni non particolarmente significative per Generali, con un multiplo che  potrebbe aggirarsi in area 15 volte gli utili.

In attesa di novità la SIM milanese mantiene una view cauta sul titolo, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 19,5 euro.