Italian Exhibition Group (IEG), società quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., leader in Italia nell'organizzazione di eventi fieristici internazionali e tra i principali operatori del settore fieristico e dei congressi a livello europeo, rende noto che in data odierna il Consiglio di Amministrazione della società ha cooptato Corrado Peraboni quale componente del consiglio con il ruolo di Amministratore delegato ed Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi. La cooptazione avrà efficacia dal 1 gennaio 2020. Laureato in giurisprudenza, Peraboni ha vasta esperienza nel settore fieristico. Dal 2015 al gennaio 2017 ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato di Fiera Milano S.p.A. Dal 2000 al 2015 è stato Direttore Generale di Fondazione Fiera Milano ed è stato presidente di UFI (Associazione globale dell'industria fieristica). Tra gli altri ruoli professionali ricoperti da Peraboni figurano quello di vice presidente della Camera di Commercio italo-cinese e membro del consiglio di amministrazione di Arexpo S.p.A. (la società responsabile per l'acquisizione e riqualificazione delle aree e del sito di Expo 2015). Maggiori informazioni sul curriculum professionale di Corrado Peraboni sono disponibili sul sito internet della società www.iegexpo.it, sezione Corporate Governance. In sede di cooptazione, il Consiglio di Amministrazione ha verificato in capo a Corrado Peraboni il possesso dei requisiti di legge e quelli di indipendenza definiti dall'art. 148 comma 3, del Dlgs 58/1998. La remunerazione riconosciuta in funzione delle deleghe attribuite è coerente alla politica di remunerazione adottata ed in linea con le prassi della Società. Per quanto a conoscenza della Società, Corrado Peraboni non detiene partecipazioni in Italian Exhibition Group S.p.A. Nella medesima seduta il Consiglio di Amministrazione ha approvato il forecast dell'esercizio 2019 ed il budget per il 2020. Il Presidente Lorenzo Cagnoni ha espresso soddisfazione per i risultati e per le performance economiche della Società: "Chiuderemo il 2019 con risultati al di sopra delle previsioni degli analisti e abbiamo solide attese per il 2020". Il consensus espresso dagli analisti che seguono il titolo della Società prevede per il 2019 ricavi a 174 milioni di euro ed EBITDA (senza l'applicazione del principio contabile IFRS 16) di 35,9 milioni di euro, con un ebitda margin del 20,6%.