Il Ftse Mib travolge due supporti rilevanti: l'indice ha lasciato sul terreno mercoledì il 4,06% (peggiore performance dall'11 giugno) a 17898 punti scendendo al di sotto del minimo del 25 settembre a 18546 e di quello del 15 giugno a 18303 punti. I prezzi si stanno avvicinando a grandi passi ad un'altra coppia di supporti rilevanti, posti in area 17600/630, la base del gap rialzista del 26 maggio e il 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di marzo. L'impressione è che questa area di sostegno possa essere in grado, almeno in prima battuta, di contenere il ribasso e di fornire la base per un tentativo di rimbalzo. Solo recuperi oltre i 18300 punti potrebbero però fare sperare in qualche cosa di più di una veloce reazione tecnica e prospettare la ricopertura del gap lasciato il 28 ottobre in avvio con lato alto a 18647 punti. Sotto area 17600 rischio di test di 17200, target del testa spalle ribassista disegnato dai massimi di giugno e completato il 21 settembre.

(AM)