Positivi gli indici di Piazza Affari dopo due giornate all'insegna delle prese di beneficio. Gli operatori restano comunque cauti in vista della riunione della Bce in agenda domani. Il Ftse Mib guadagna in questo momento lo 0,90%, il Ftse Italia All Share lo 0,80% e il Ftse Italia Star lo 0,56%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 9 marzo:

Telecom Italia

Telecom Italia è riuscita a sfruttare la media mobile a 50 sedute, a 0,98 circa, per rimbalzare, raggiungendo la linea che scende dai massimi autunnali a 1,05. La rottura di questo ostacolo rappresenterebbe un punto di svolta per il titolo che potrebbe così ambire al ritorno a 1,12/1,13 ed eventualmente a 1,18, massimi di fine dicembre. Sotto 0,961 ritorno alla debolezza preludio a ripiegamenti verso area 0,91. Solo sotto 0,88 circa, media mobile a 20 sedute, rischio di ritorno a 0,7965. -Target: 1,077 euro -Negazione: 0,88 euro -RSI (14): neutrale

Piaggio

Piaggio recupera quanto perso nella seduta di martedì e tenta di riattivare la crescita verso 2,37, target del testa e spalle disegnato dai minimi di gennaio. Sotto la media mobile a 50 sedute, in transito in area 1,92, le attese di rialzo verrebbero meno anticipando approfondimenti verso 1,737, riferimento determinante per scongiurare nuovi cali verso i minimi recenti a 1,556. -Target: 2,37 euro -Negazione: 1,92 euro -RSI (14): neutrale

Azimut

Azimut preme da alcune sedute contro i primi ostacoli a 19,60/19,70. La rottura di questo scoglio, coincidente con il 50% di ritracciamento del ribasso dai top di dicembre, permetterebbe di credere che il titolo possa spingersi fino a 21,70/22, lato alto del canale che contiene la correzione dallo scorso maggio. Discese sotto area 18 insinuerebbero dei dubbi sulla capacità dei prezzi di prolungare la reazione avviata a febbraio. Sotto 16,63 rischio poi di nuovi cali verso i recenti minimi a 15,09 euro. -Target: 21,70 euro -Negazione: 16,63 euro -RSI (14): neutrale