Piazza Affari accelera al ribasso in scia alle principali piazze azionarie mondiali, dopo il tweet del presidente Usa, Donald Trump, che ha annunciato l'intenzione di re-introdurre i dazi su acciaio e alluminio prodotti in Brasile e Argentina. Il Ftse mib scende dell'1,14%, il Ftse Italia All Share dell'1,07% mentre il Ftse Italia Star dello 0,79%.

*Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 2 dicembre:

C.I.R.*

Balzo avanti per CIR in avvio di ottava che si catapulta sui massimi di inizio anno a 1,114 euro dimostrando di possedere le energie necessarie per estendere la reazione più in alto verso obiettivi a 1,20 almeno. Il ritorno sotto quota 1,10 negherebbe il recente segnale di forza prospettando cali verso 1,06 e 1,03 circa. -Target: 1,20 euro
-Negazione: 1,10 euro
-RSI (14): ipercomprato

Landi Renzo

Avvio di ottava sprint per Landi Renzo che completa un doppio minimo disegnato tra ottobre e novemre con base a 0,88 circa, sfruttando una divergenza rialzista tra il grafico dei prezzi e l'RSI a 14 sedute. La permanenza sopra quota 1 permetterebbe di raggiungere target a 1,086, picco di settembre, e a 1,10, linea che scende dai massimi del 2017. Oltre questi livelli si aprirebbero spazi di crescita verso 1,25 e 1,40 euro. Discese sotto 0,96 euro anticiperebbero invece la violazione di 0,88.
-Target: 1,25 euro
-Negazione: 0,96 euro
-RSI (14): neutrale
*
Banca Profilo*

Banca Profilo estende il rialzo avvicinandosi ai top di agosto 2018 a 0,217. Il titolo sembra aver archiviato la prolungata fase laterale disegnata nell'ultimo anno, ma sarà necessario un ulteriore sforzo per confermare le ambizioni di crescita per target a 0,2343, quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso in atto dai top del 2017. Ritorno alla debolezza invece nel caso di ritorno sotto 0,18.