Piazza Affari continua a crescere con determinazione. Secondo gli operatori si tratta di un movimento che sconta l'adeguamento ai nuovi pesi negli indici da parte dei fondi di investimento. Il Ftse mib sale dello 0,97%, il Ftse Italia All Share dello 0,88% mentre il Ftse Italia Star dello 0,50%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 20 dicembre:

D'Amico

D'Amico prova a dare seguito alla reazione dopo il test prolungato della media mobile a 50 giorni passante da 0,124 circa. L'intera fase di consolidamento inserita nel triangolo disegnato dai massimi di ottobre potrebbe dunque essere propedeutica alla rottura degli ostacoli presenti tra 0,14 e 0,144 (linea che scende dai top di dicembre 2018) per obiettivi a 0,166 almeno. Sotto 0,124 rischio invece di ritorno sui minimi del 2019 a 0,0840. -Target: 0,148 euro -Negazione: 0,124 euro -RSI (14): neutrale

Dovalue

Balzo avanti per Dovalue che accelera oltre i massimi di novembre a 12,10 euro dimostrando di possedere energie per attaccare con successo la resistenza tenace a 12,60, linea che scende dai massimi del 2017. Conferme oltre questo riferimento permetterebbero infatti di guardare con fiducia al futuro in direzione di obiettivi a 13,40 e successivamente a 14,70. Nella direzione opposta sotto 11 rischio rivisitazione dei supporti strategici a 9,70 circa. -Target: 13,40 euro -Negazione: 11 euro -RSI (14): ipercomprato

Fiera Milano

Fiera Milano si muove a ridosso di un ostacolo decisivo a 5,70 circa, linea che unisce i massimi di agosto 2018 e quelli di aprile di quest'anno. Il titolo dovrà lasciarsi alle spalle questo limite per rilanciare il movimento ascendente partito a dicembre verso i top della scorsa estate a 5,91 euro e verso obiettivi più lontani. Eventuali flessioni fino a 4,90 euro non modificherebbero la struttura rialzista di breve-medio periodo. Sotto questo riferimento rischio affondo in area 4,45/4,50. -Target: 5,91 euro -Negazione: 4 ,90 euro -RSI (14): neutrale