Piazza Affari accelera al ribasso per la quinta seduta consecutiva. I riflettori restano puntati sul Fomc. Il Ftse mib cede l'1,23%, il Ftse Italia All Share l'1,17% e il Ftse Italia Star lo 0,56%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 28 luglio:

D'Amico

D'Amico rimbalza con decisione dopo il test della trend line che sale dai minimi di marzo a 0,0870 circa. Per quanto significativa, la reazione dovrà spingersi oltre 0,10 per dimostrarsi duratura e per creare le premesse per il ritorno sui massimi di aprile a 0,1236. La violazione di area 0,0870 comporterebbe invece l'invio di nuovi segnali negativi.

  • Target: 0,1140 euro
  • Negazione: 0,087 euro
  • RSI (14): neutrale

Campari

Campari accelera al rialzo dopo una breve pausa di consolidamento e ricopre il gap del 24 febbraio, a 8,45 euro. Il movimento ascendente potrebbe proseguire fino a 8,89 euro per la chiusura di un altro gap apertosi il 20 febbraio ed eventualmente raggiungere i massimi annuali a 9,10 circa. La struttura rialzista perderebbe slancio sotto area 8, linea che sale dai minimi di marzo.

  • Target: 8,89 euro
  • Negazione: 8 euro
  • RSI (14): neutrale

IMMSI

IMMSI tenta nuovamente di allontanarsi dalla base del canale disegnato da marzo dopo averne consolidato il supporto a 0,40 circa. Per rivedere il top di giugno a 0,4930, il titolo dovrà lasciarsi alle spalle area 0,4385/0,44 e raggiungere il lato alto del citato canale, in area 0,50. La rottura anche di questo riferimento riporterebbe i prezzi sui top di fine febbraio a 0,5140/0,5150. Nella direzione opposta sotto 0,40 e alla violazione di 0,37/0,38 euro verrebbe riattivato il movimento ribassista in atto da inizio anno.

  • Target: 0,5150 euro
  • Negazione: 0,37 euro
  • RSI (14): neutrale

Esprinet

Esprinet sta cercando da diverse sedute di avere la meglio sulla resistenza a 4,28/4,30 circa. Oltre questo limite il titolo dovrà poi vedersela con gli ostacoli a 4,55 circa, massimi allineati di aprile e fine maggio/inizio giugno e quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso dai top di febbraio, per inviare segnali duraturi di ripresa che potrebbero anticipare il ritorno sopra quota 5. Sul fronte dei supporti, sotto i 3,96 euro i prezzi potrebbero scivolare nuovamente in area 3,60/3,65, minimi di giugno.

  • Target: 4,55 euro
  • Negazione: 3,96 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)