Piazza Affari poco mossa: consolida i recenti rialzi. Il Ftse mib guadagna lo 0,19%, il Ftse Italia All Share lo 0,27% mentre il Ftse Italia Star guadagna lo 0,34%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 10 febbraio:

Sciuker Frames

Sciuker Frames preme contro il lato superiore del canale che sale dal flesso di novembre, a 5/5,10 circa, segnalando l'intenzione di estendere il rally in territorio inesplorato verso target a 6,30, ottenuto mediane la tecnica del raddoppio del canale. Incombe ancora sul grafico una divergenza ribassista con l' RSI a 14 sedute che potrebbe comportare l'avvio di una correzione di tutto il rialzo degli ultimi tre mesi: primi segnali di cedimento giungerebbero sotto 4,40, ma sol la violazione di 3,90/3,95 euro farebbe temere cali più ampi.

  • Target: 6,30 euro
  • Negazione: 4,40 euro
  • RSI (14): ipercomprato

Fincantieri

Prova di forza per Fincantieri che si lascia alla spalle la trend line disegnata dai massimi dello scorso maggio, a 0,5960, accelerando a gran velocità ai massimi di novembre a 0,67 circa. Oltre quest'area possibile allungo verso 0,73 e più sopra fino ai top di maggio a 0,90 euro. Il ritorno perentorio sotto area 0,5950 cancellerebbe il recente segnale di forza preludendo a ripiegamenti verso almeno quota 0,56, media mobile esponenziale a 20 sedute.

  • Target: 0,67 euro
  • Negazione: 0,5950 euro
  • RSI (14): ipercomprato

Digital Bros

Digital Bros si allunga verso la trend line che scende dai massimi della scorsa estate, passante da 22,35 circa. La vittoria su questo ostacolo dovrà essere confermata dal superamento dei massimi di inizio anno a 23,15 per dimostrarsi convincente e per favorire un miglioramento duraturo per target a 27 circa. Sotto area 19 le attese di crescita verrebbero rinviate anciticipando la violazione della linea che sale da marzo, a 18,50/18,60.

  • Target: 23,15 euro
  • Negazione: 19 euro
  • RSI (14): neutrale

Bialetti Industrie

Corposo rialzo per Bialetti Industrie (+15,15%). La rottura dei massimi della scorsa estate, a 0,145/0,148, ha permesso di completare un doppio minimo disegnato tra marzo e ottobre 2020, fornendo l'abbrivio per proiettare i prezzi sul livello più alto da quasi un anno a 0,1775. L'eventuale superamento anche di area 0,18 rappresenterebbe un ulteriore segnale di forza in grado di spianare la strada al test di area 0,2050/0,21. Indicazioni di debolezza invece sotto area 0,15 con conferme negative alla violazione di area 0,13.

  • Target: 0,18 euro
  • Negazione: 0,15 euro
  • RSI (14): ipercomprato

(CC - www.ftaonline.com)