Piazza Affari rimbalza dopo la debolezza della scorsa ottava. Il Ftse mib guadagna l'1,18%, il Ftse Italia All Share l'1,18% e il Ftse Italia Star dell'1,50%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 1 febbraio:

Anima Holding

Anima Holding rimbalza sfruttando il supporto offerto dalla media mobile esponenziale a 50 sedute, passante da 3,86 circa. Una stabilizzazione sopra quota 4,00 permetterebbe di guardare con fiducia al ritorno sui massimi di gennaio a 4,28 euro e più spra fino a 4,426 euro, picco dello scorso maggio e lato alto del canale che sale da novembre. Discese sotto 3,86 costringerebbero invece il titolo a ripiegare verso quota 3,53, linea che sale dai minimi di marzo 2020.

  • Target: 4,28 euro
  • Negazione: 3,86 euro
  • RSI (14): neutrale

Technogym

Technogym reagisce con forza alla debolezza vista all'inizio del 2021 e si riporta sopra quota 9,00. La rottura della linea che scende dai massimi di novembre, attualmente a 9,25, getterebbe solide basi per la riattivazione della corsa partita lo scorso autunno per obiettivi a 9,85 e 10,64, base del gap lasciato aperto nel febbraio 2020. Sotto 8,08 resterebbero i supporti presenti in area 7,80 ad impedire un pericoloso deterioramento.

  • Target: 9,85 euro
  • Negazione: 8,08 euro
  • RSI (14): neutrale

Fincantieri

Fincantieri si riavvicina a gran velocità alla duplice resistenza a 0,56 circa, media mobile esponenziale a 50 giorni e trend line che scende da novembre. In caso di vittoria su questo ostacolo si aprirebbero spazi di crescita verso 0,60/0,61, poi fino a 0,65 circa. Nuovi segnali di debolezza invece sotto 0,51, ma solo il cedimento a 0,49 della linea che unisce il minimo di marzo e quello di ottobre 2020 invierebbe un segnale preoccupante per un primo target a 0,4626, poi a 0,39 circa.

  • Target: 0,61 euro
  • Negazione: 0,49 euro
  • RSI (14): neutrale

Digital Bros

Digital Bros dovrà salire oltre area 20,00 per inviare segnali convincenti di ripresa. La permanenza sopra la linea che sale dai minimi di marzo 2020 a 18,23 circa permetterebbe di rivedere i massimi di inizio anno a 23,00 circa, resistenza tenace nel medio termine. Sotto questo 18,23 rischio invece di assistere a una estensione del ribasso verso 16,60/16,70 circa, minimi di dicembre.

  • Target: 23 euro
  • Negazione: 18,23 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)