IMMSI (+5,28%) risale la china verso una resistenza a 0,38 euro (massimi di fine marzo). Conferme oltre questo limite favorirebbero un allungo verso area 0,49/0,50 quota pari al 61,8% di ritracciamento della discesa subita da inizio anno. Fintanto che area 0,38 non sarà di nuovo alla spalle rischio di nuova debolezza preludio al ritorno a 0,2745 circa.

(CC - www.ftaonline.com)