L'indice Vix, il cosiddetto "fear index" per la sua capacita' di registrare il nervosismo del mercato azionario, ha toccato ieri nel durante un massimo a 25,94 punti andando ad intercettare la trend line che parte dal top dell'11 ottobre andando poi incontro ad una brusca discesa che lo ha visto chiudere a 21,19 punti. Buone notizie quindi per il mercato azionario, dato che la correlazione tra Vix e indici di borsa e' inversa, quando il "fear index" scende si creano opportunita' di risalita per l'azionario e viceversa. Attenzione quindi nel prossimo futura alla resistenza di area 26 dal momento che e' dal suo superamento che potrebbe venire il segnale per un nuovo cambio di rotta, in senso negativo, di Wall Street.

(AM - www.ftaonline.com)