Interessante segnale di forza da parte di Saes Getters. Il titolo e' salito lunedi', accompagnato da volumi in crescita, oltre il lato alto del canale crescente che parte dai minimi di ottobre 2018. La rottura del limite superiore di un canale fornisce una indicazione di accelerazione dell'uptrend, ma in questo caso allontana anche il rischio che il canale fosse un "flag" in preparazione, una figura di continuazione della precedente tendenza ribassista. Il fatto che i prezzi siano saliti nelle ultime settimane oltre le medie esponenziali a 100 e 200 giorni, ora supporto rispettivamente a 19,44 e a 20,03 euro e' una ulteriore indicazione positiva che lascia sperare nel proseguimento del rimbalzo. Da notare che i minimi del 23 ottobre si collocano esattamente sul 61,8% di ritracciamento del rialzo dai minimi di novembre 2016: la tenuta di questo livello di ritracciamento, ricavato dalla successione di Fibonacci (e allineato con i minimi di luglio 2017) permette di considerare ancora intatto il rialzo di medio lungo periodo e la flessione vista dal doppio massimo di ottobre 2017-gennaio 2018 di area 28 euro come un movimento correttivo e non come una inversione di tendenza. Il rimbalzo dai minimi di ottobre 2018 potrebbe quindi anche rivelarsi la ripresa dell'uptrend di medio lungo periodo, una ipotesi che necessitera' comunque di molte conferme per diventare credibile. Prima indicazione in questo senso oltre il top di lunedi' a 21,05, collocato sul 38,2% di ritracciamento del ribasso dal picco di fine 2017, poi ulteriori conferme positive oltre 22,40 e 23,70. In quel caso l'ipotesi di ritorno sui 28 euro diverrebbe plausibile. Sotto i 20 euro invece i recenti segnali di forza risulterebbero notevolmente ridimensionati.