Banca Generali

Banca Generali punta al rialzo mercoledi' dopo il -2,16% accusato nella seduta precedente in una seduta caratterizzata dalle prese di profitto sui titoli del risparmio gestito dopo i buoni progressi della scorsa settimana. Martedi' mattina Banca Generali aveva comunicato i dati sulla raccolta netta a dicembre, pari a +614 milioni di euro (circa il doppio di quanto registrato negli ultimi mesi) con totale 2019 ad oltre 5,1 miliardi. Mediobanca Securities ha confermato la raccomandazione outperform con prezzo obiettivo a 30,5 euro per il titolo dopo i dati sulla raccolta netta a dicembre. Anche Kepler Cheuvreux e Equita Sim hanno confermato la propria raccomandazione, in questo caso a "hold", con prezzo obiettivo rispettivamente a 29 euro e a 28,4 euro. Il titolo e' salito mercoledi' fino a 30,96 euro per poi flettere a 30,65 circa, in rialzo rispetto alla chiusura di martedi' a 29,96 euro. Solo al di sopra del massimo dello "shooting star" del 13 gennaio a 31,10 (candela con una particolare valenza in termini di resistenza) verrebbe inviato un segnale di forza introduttivo al ritorno sul massimo di novembre a 32,10 euro. Resistenza successiva a 33,44, record di maggio 2015. Sotto area 29,50 rischio invece di test del supporto critico dei 28,70 euro, area di transito della media mobile esponenziale a 100 giorni e della trend line rialzista disegnata dai minimi di fine 2018 (la parallela a questa trend line, tracciata dal top di maggio 2019, forma un canale il cui limite superiore ha fermato il rialzo a novembre e transita attualmente a 33,15 euro). La violazione di 28,70 sarebbe pertanto un segnale di debolezza preoccupante anche in ottica di medio periodo.