Ken Leech, CIO di Western Asset (affiliata del gruppo Legg Mason) evidenzia che le aspettative di crescita sincronizzata che hanno accompagnato l'inizio di quest'anno si sono infrante piuttosto rapidamente. Il 2018 è stato invece l'anno in cui la crescita globale è stata la più desincronizzata dal 1998. L'economia USA, potenziata dall'iniezione di stimoli a fine ciclo, si è rafforzata sempre di più; il resto del mondo, a causa delle tensioni commerciali e di molteplici rischi politici in diversi paesi, non ha fatto altro che indebolirsi. Questa* divergenza *ha portato ad una diffusa forza del dollaro, a tassi di interessi più alti negli USA e ad un aumento dei premi per il rischio nei prodotti a spread al di fuori degli USA, in particolare nei mercati emergenti.

Tutto ciò fino allo scorso ottobre, quando i timori di errori *da parte della Fed, l'acuirsi delle *tensioni commerciali e le preoccupazioni su Brexit e Italia hanno infine portato ad un indebolimento anche dei prodotti a spread USA. La crescita globale si è affievolita, e questa serie di rischi ha raggiunto l'apice dell'intensità. È lecito allora chiedersi: di fronte a così tante difficoltà, cosa potrà mai andare per il verso giusto?

Secondo Ken Leech, CIO di Western Asset (affiliata del gruppo Legg Mason), nonostante tutto, non solo molte cose potrebbero andare per il verso giusto, ma alcune lo stanno facendo già ora. Cominciamo dall'aspetto più importante: i fondamentali che sottostanno all'outlook economico. L'attenuazione dei livelli di crescita USA e globali (comunque ancora solidi) implica uno scenario di inflazione estremamente favorevole. Il restringimento delle condizioni monetarie, combinato con lo scemare degli effetti del taglio fiscale negli USA e con la reintroduzione di stimoli monetari e fiscali in Cina, promette bene per una possibile risincronizzazione della crescita globale. Tutto ciò dovrebbe essere positivo per i mercati del rischio globali. Ma tutte le incertezze di cui abbiamo parlato prima non potrebbero far precipitare la situazione? Di certo c'è bisogno di prudenza, ma crediamo ci siano segnali incoraggianti.