Rally in Borsa di La Doria: nel primo pomeriggio l'azione del produttore di derivati del pomodoro, frutta e legumi guadagna il 6,49% e si riporta a 11,32 euro dopo un allungo a quota 11,45. Imponenti i volumi di scambio che hanno accompagnato il deciso superamento delle resistenze di area 11 euro: sono infatti passati di mano oltre 202 mila titoli contro una media giornaliera dell'ultimo mese inferiore ai 25 mila pezzi.

E' in calendario per il prossimo 19 settembre la pubblicazione della relazione semestrale del gruppo controllato dalla famiglia Ferraioli.

Nel 2016 La Doria ha subito un impatto negativo dalla svalutazione della *sterlina *seguita al Brexit, con effetti negativi sulla controllata inglese LDH (società di trading, leader sul mercato britannico nei derivati del pomodoro e legumi conservati). Dalla fine di agosto, come noto, la sterlina però ha riguadagnato terreno sull'euro, con un cambio EUR/GBP passato da 0,926 a 0,902. La Banca d'Inghilterra potrebbe inoltre decidere di anticipare eventuali manovre restrittive per arginare la crescita dell'inflazione e contrastare gli effetti sui prezzi della svalutazione della moneta di Londra.

(GD - www.ftaonline.com)