LA DORIA: approvato dal C.d.A. il Resoconto Intermedio di Gestione al 31.03.2018.

Risultati in linea con le previsioni: fatturato in sensibile crescita e redditività stabile nonostante il permanere di uno scenario competitivo fortemente sfidante. Ottima performance dei mercati internazionali grazie al significativo incremento dei volumi venduti e malgrado lo sfavorevole cambio di conversione euro-sterlina dei ricavi della società controllata inglese.

  • Ricavi consolidati in aumento del 6.9%, a 179 milioni di Euro (167.5 milioni al 31.03.2017). A cambi costanti, ricavi in crescita dell'8.4%;
  • EBITDA a 12.2 milioni di Euro (11.8 milioni al 31.03.2017); Ebitda margin dal 7.1% al 6.8% ;
  • EBIT a 9.2 milioni di Euro (8.9 milioni al 31.03.2017); Ebit margin dal 5.3% al 5.2%;
  • Utile netto a 5.5 milioni di Euro (5.2 milioni al 31.03.2017).
  • Indebitamento netto in riduzione a 91.2 milioni di Euro dai 98.1 milioni di Euro al 31.12.2017.
  • Gearing a 0.40 da 0.43 al 31 dicembre 2017

Prevedibile evoluzione della gestione
Nel 2018 lo scenario di mercato continuerà ad essere caratterizzato da una concorrenza molto accesa in vari paesi e dalla pressione della Grande Distribuzione, in particolare nel Regno Unito a causa della citata inflazione indotta dalla svalutazione della sterlina. In tale contesto, quello in corso sarà un esercizio in cui il Gruppo La Doria porrà le basi per continuare a lavorare, nei prossimi anni, su due piani prioritari, l'aumento dei ricavi e l'ulteriore miglioramento della marginalità. A tal scopo è stato varato un ingente piano quadriennale di investimenti volto all'aumento della capacità produttiva principalmente nelle categorie di prodotto a più alto valore aggiunto e con tassi di crescita potenzialmente più elevati, come i sughi pronti. Il Piano sarà finalizzato, altresì, alla razionalizzazione dei siti industriali del Gruppo, all'ampliamento ed all'automazione dei magazzini ed all'aumento dell'efficienza industriale e logistica, con l'obiettivo di essere ancor più competitivi nei costi.